Come massaggiare una donna e portarla al piacere estremo

Professore February 7, 2012 2
Come massaggiare una donna e portarla al piacere estremo

Il massaggio erotico è un qualcosa di estremamente diverso rispetto ai preliminari tradizionali.
Oltre ad aumentare il desiderio sessuale, aiuta a cancellare qualsiasi forma di stress e, oltre a
preparare il corpo e la mente ad essere più ricettivi al piacere, permette l’instaurarsi di una piacevole
complicità all’interno della coppia. Tutto quello che vi serve è un po’ di pazienza per imparare a
padroneggiare la tecnica e un buon prodotto per massaggi: in commercio ve ne sono diversi tipi, tra
cui alcuni commestibili…a buon intenditore, poche parole.

Per fare un buon massaggio erotico è fondamentale avere la giusta forma mentis. Dovete
massaggiare la vostra partner in modo completamente disinteressato, solo per il gusto di farle
provare piacere, dimenticandovi che più tardi potreste avere un rapporto sessuale. Attenzioni di
questo genere vengono solitamente apprezzate e ricambiate. Non dimenticatevi di curare anche
l’ambiente: qualche candela, un bastoncino di incenso e della musica lounge aiuteranno a rendere
il tutto più intimo e “caldo”. Spegnete il cellulare e allontanate da voi qualsiasi fonte di disturbo:
esistete solo per la vostra compagna.

Passiamo alla pratica, ovvero a come si pratica un massaggio erotico. Stendete un asciugamano
morbido sul pavimento e fate accomodare lì sopra la vostra partner, distesa in posizione prona.
Voi, invece vi inginocchierete al suo fianco, in modo da non affaticarvi troppo. Cominciate col
massaggiare la schiena con estrema delicatezza, come se la sfioraste appena. Mano a mano che
sentite il suo corpo rilassarsi e affidarsi alle vostre mani usate un tocco più profondo e iniziate a
scendere lentamente verso il basso, senza mai arrivare al contatto intimo. Ricordatevi di usare le
mani aperte e di non ricorrere, almeno per il momento, ai pollici. Alternate il contatto più deciso,
che ricorda vagamente un trattamento terapeutico, a quello più morbido, che ha una valenza
fortemente sensuale. Se incontrate qualche tensione muscolare, soprattutto nella zona compresa tra
il collo e le spalle, scioglietela: la diretta interessata gradirà moltissimo.

Espandete il massaggio a tutto il resto del corpo della vostra compagna, comprendendo anche le
zone erogene. Passatele le dita tra i capelli massaggiandole la nuca, stuzzicatele le orecchie, magari
sussurrando qualche parola dolce, e non tralasciate l’interno coscia o i piedi. Esplorate il suo corpo
cercando di capire quali sono le zone più sensibili e, una volta individuate, soffermatevi su di esse
in modo da aumentare il suo piacere. Ricordatevi sempre di chiederle se il massaggio è di suo
gradimento e seguite le sue indicazioni.

Con un po’ di pratica, e con la visione di qualche video su Youtube, potrete padroneggiare la
tecnica del massaggio erotico in relativamente poco tempo. Senza contare che la scusa del fare
pratica con una ragazza può essere un ottimo modo per entrare in intimità…

Ecco le regole di base per un ottimo massaggio:

1 – Per prima cosa, dimenticati del fatto che dopo potreste fare sesso. Piuttosto, concentrati sul dare sensazioni piacevoli al partner, a dedicarti anima e corpo al suo benessere generale. Quello sessuale arriverà in modo naturale e spontaneo, ma non deve mai essere un obbligo.

2 – Di conseguenza… non aspettarti nulla in cambio: no, neanche un massaggio. La parola d’ordine infatti è inesigente. Per fare un buon massaggio – che sia erotico o meno – bisogna avere il desiderio – dichiaralo chiaramente anche al partner, prima di iniziare il massaggio – di dare in modo disinteressato. Di solito questo tipo di attenzioni non manca di essere ricambiato.

3 – Anche l’atmosfera gioca la sua parte, quindi… prepara l’ambiente adatto al massaggio, sensuale e rilassante al tempo stesso. Bando al disordine, e via libera a tutto ciò che può coccolare (e accendere…) i sensi: abbassa le luci e accendi delle candele, degli incensi profumati, dalla musica luonge… Prima di iniziare, assicurati che ogni dettaglio sia al suo posto e spegni il cellulare!

4 – Perché il massaggio sia efficace e rilassante per entrambi, bisogna effettuarlo su una superficie piuttosto rigida, quindi… dimenticati il letto, anche se sembra tanto comodo. Preferisci il pavimento, e scegli la posizione giusta. Sistemati in ginocchio, sistemando magari con un cuscino tra le tue natiche e i talloni, e fai accomodare il partner davanti a te, seduto con le gambe incrociate: è la posizione ideale per eseguire un massaggio senza affaticarsi troppo, per avere libero accesso al copro del partner con baci e carezze e per farlo sentire avvolto dal un caldo e rilassante abbraccio.

7 – Non avere fretta. Davvero. Inizia con calma, prima con un tocco gentile e morbido per dare modo al corpo di svegliarsi. quando sentirai che il suo corpo si sta rilassando e si sta affidando alle tue mani, usa un tocco progressivamente più profondo e avvolgente, spostandoti a poco a poco verso il basso, insinuando – senza mai arrivarci – un contatto più intimo…

8 – Quando massaggi, cerca di toccare il corpo del partner il più possibile per dargli una sensazione più avvolgente. Mantenendo le mani rilassate e aperte, con le dita ben distanziate e i palmi morbidamente flessuosi. Tocca come se con una sola mano potessi abbracciare tutto il suo corpo.

9 – Inizia il massaggio usando le mani ben aperte, e non usare troppo i pollici: rischieresti di affaticare in fretta le tue mani. Invece, conserva il loro tocco come arma segreta per il gran finale, andando a sciogliere le tensioni più difficili da allentare…

10 – Ti è piaciuto? In questo caso solo è lecito, ma anche utile chiederlo, persino in corso d’opera. Cerca sempre un riscontro sul tuo massaggio da parte del partner, sia facendogli delle domande dirette – forse preferisce un tocco più leggero o più deciso, forse vorrebbe che ti concentrassi un po’ più verso il basso o verso sinistra – oppure interpretando le sue reazioni di piacere o dis-piacere, come gemiti e smorfie. Potrai imparare molto sul suo corpo…

banner_border600


Ok MORANDO SERGIO Crocefieschi Genova Malpotremo Lesegno Italia Argentina San Morando says:

Non massaggiare subito la buceta .. ( vagina, guersa, bernarda, farfallina..) ma massaggiare iniziando dai punti più lontani..cioè dalla testa e dai piedi solo dopo si arriva al centro del piacere che è la bucetona ed anche qui vanno massaggiate e baciate prima le piccole grandi labbra..e solo dopo si passerà nell’interno alla ” ricerca ” del punto G ..che quando trovato va massaggiato delicatamente… :-)
Morando

  • RSS
  • Facebook
  • YouTube